2019 Romanee-Conti Grand Cru Domaine de la Romanèe-Conti

Acquistata dal principe di Conti nel 1760, questa parcella di 1,85 ettari produce ogni anno poco più di 6.000 bottiglie di un grande vino d’eccezione. Di solito, per averne uno è necessario acquistare una cassa di dodici bottiglie con i diversi cru della tenuta.
Dopo la Rivoluzione Francese, il Domaine de la Romanée Conti fu dichiarato patrimonio nazionale e, a partire da quel momento, ebbe molti proprietari. In particolare, la famiglia Duvault-Blochet acquisì diverse altre parcelle tra cui La Tâche, Richebourg e Echezeaux. Oggi, ogni bottiglia di Romanée Conti porta la doppia firma di Aubert de Villaine e Henry-Frédéric Roch.
Romanée Conti fu l’ultimo vigneto in Borgogna a resistere alla fillossera, anche se durante la Seconda guerra mondiale la mancanza di anidride carbonica ne provocò la distruzione. Per cinque anni, dal 1946 al 1951, non fu prodotta alcuna annata.

Vitigni

100% Pinot Nero

Annata

2019

Gradazione

13.5%

Formato

750 mL

Regione

Borgogna

100 points Robert Parker
100 points Decanter
99+ points BurgHound

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “2019 Romanee-Conti Grand Cru Domaine de la Romanèe-Conti”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tasting notes

Aroma

Le condizioni di vinificazione e di invecchiamento sono esemplari, sia nelle vigne che in cantina vengono effettuate numerose cernite al fine di conservare solo i frutti migliori. Nulla è lasciato al caso, per esempio, le uve delle viti troppo giovani vengono scartate e vendute alle Maison De Négoce borgognone. Il vino invecchia in botti di rovere nuove selezionate tre anni prima. È proprio l’attenzione ai dettagli che permette al terroir di esprimersi pienamente e di produrre questo vino d’eccezione. In questo splendido vino ritroviamo aromi di grande complessità che evocano la rosa, la violetta, le spezie, il tartufo e il cuoio.

×